Cosa e dove mangiare a Mosca

mangiare a mosca

Negli ultimi anni la Russia è cresciuta molto in ambito gastronomico. Se state organizzando un viaggio a Mosca, vi consiglio di leggere questa sezione della mini guida di Mosca: segnatevi i piatti tipici della cucina russa e il nome di alcuni locali dove poter degustare delle ottime ricette russe in un'atmosfera davvero accogliente. Ne uscirete soddisfatti e senza spendere poi così tanto. Qui troverete tutti i consigli su cosa e dove mangiare a Mosca. Mangiare a Mosca non è poi così costoso come si può immaginare quando si pensa alla capitale di un grande stato. Basta informarsi prima, segnarsi i posti giusti e in alcuni casi potrete addirittura curiosare con anticipo il menù sul sito internet del ristorante.

La cucina russa ha subito molto l'influenza del suo clima e della condizione sociale della sua popolazione. Gli inverni lunghi e rigidi e le brevi stagioni delle coltivazioni hanno dato vita ad una cucina basata sui cereali, primo fra tutti il grano saraceno, seguito da miglio, orzo e semolino, e sui tuberi quali patate e barbabietole. Per cui non c'è nulla di più vero di un antico proverbio russo che recita "Shchi (zuppa di cavolo) e kasha (porridge) sono il nostro alimento". Nel menù di ogni ristorante, troverete sempre un lungo elenco di zuppe calde e fredde (può sembrare strano ma una tipica zuppa russa viene servita fredda), una più buona dell'altra. Le portate principali sono a base di pesce, soprattutto salmone e halibut pescato nelle fredde acque del nord, e di carne di manzo, vitello e agnello, ma anche carne di selvaggina come cervo, coniglio, orso e persino alce. I piatti sono tutti molto gustosi, saporiti e molto sostanziosi.

 zuppa mosca

 

PIATTI TIPICI DELLA CUCINA RUSSA

Partiamo dalla colazione, uno dei momenti più importanti della giornata anche per un cittadino russo. Per la colazione non possono mancare il pane (khleb) servito con burro e marmellate, il porridge (kasha), realizzato con diversi tipi di cereali a scelta, ed infine gli oladi e i bliny, realizzati con un impasto a base di farina e acqua e farciti con ingredienti dolci e salati. Diciamo che gli oladi sono più spessi e assomigliano molto di più ai pancakes mentre i bliny sono più sottili come le crepes (ne vedete alcuni esempi nella foto qui ↓ sotto). Se volete abbinare alla colazione dolce qualcosa di salato, non mancano omelettes e sandwiches; ma quello che vi consiglio di provare è il piroshok, una specie di fagottino di pasta sfoglia dal colore dorato dovuto ad una abbondante spennellata di uovo, cotto al forno o fritto in padella e ripieno con una farcitura dolce o salata. La farcitura dolce prevede solitamente frutta cotta, marmellata, fiocchi di cereali, mentre il ripieno salato è a base di carne (solitamente manzo) o pesce (solitamente salmone) con verdure cotte (patate, cipolle, cavolo) e uovo. Un bel paninetto ripieno che vi sazierà per parecchie ore!

 bliny mosca

Ad accompagnare i piatti, non mancano tè e caffè. Un posticino davvero molto carino e instagrammabile dove viene servita un'ottima colazione tutti i giorni dalle h 10.00 alle h 15.00 è il Dom.kafè situato 200 m a nord della fermata della metropolitana di Novokuznetskaya. Resta 1 km a sud della Piazza Rossa, una volta superati i ponti che attraversano il fiume Moscova e il canale. Qui sarete accolti da simpatiche ragazze vestite un pò come "Alice nel Paese delle Meraviglie" che, anche in lingua inglese, sapranno aiutarvi nella scelta dei piatti. Se invece volete provare un caffè storico e degno di nota a Mosca, non mi resta che citarvi il Cafè Pushkin. É situato a nord ovest del centro di Mosca, all'incrocio con via Tverskaya, nei pressi della fermata metropolitana di Pushkinskaya. Ha sede in un palazzo del XIX secolo: ciascun piano si contraddistingue per uno stile diverso, dalla biblioteca decorata in modo prezioso al caffè sul tetto (ne vedete un assaggio nella foto qui ↓ sotto). Qui i prezzi sono ovviamente un pò altini, ma vale pena farsi un caffè in questo locale denso di storia. 

 cafè pushkin mosca

Immagine presa da www.documentarytube.com

Passiamo ora ad assaporare le portate principali che caratterizzano la cucina russa. Se andate a Mosca non potete non mangiare i caratteristici dumplings anche chiamati pelmeni: si tratta dei classici ravioli ripieni, serviti come primo piatto, di cui io mi sono innamorata! Sono davvero buonissimi! Si tratta si un piatto tradizionale della Siberia e dell'Europa centro-orientale; sono prodotti con una pasta sottile composta da farina, uova e talvolta latte e acqua. La pasta assume un colore molto chiaro, quasi bianco e assomigliano molto ai ravioli ripieni cinesi, gli jiaozi, sia come consistenza che come sapore. La ricetta tipica russa vuole che vengano preparati con un ripieno a base di carne, manzo o maiale, ma se ne trovano ormai di tutti i tipi. Vengono imbottiti anche con carne di cervo, di coniglio, di alce o di orso, e persino con con un preparato a base di pesce, solitamente salmone o halibut. Vengono serviti con delle salsine a base di panna acida o di cavolo. I dumplings sono un must della cucina russa e vi lasceranno a bocca aperta. 

 dumplings mosca

dumplings mosca

Anche le zuppe rappresentano un piatto importante nella cucina russa con varianti calde e fredde. La più famosa è il borsch, una colorata zuppa di barbabietole (vi verrà servita una zuppa dell'intenso color vinaccia come potete vedere dalla foto qui ↓ sotto) preparata con l'aggiunta di carote, fagioli, cavolo e carne di manzo o di maiale. Molto apprezzata è anche la solyanka, una zuppa a base di brodo di carne servita con verdure e pezzetti di manzo, la shchi, una zuppa tradizionale della cucina russa dal sapore molto aspro perchè a base di cavolo, e la okroshka, una zuppa fredda a base di verdure preparata con il kvas, la tipica bevanda russa ottenuta con il pane di segale fermentato. Ricordatevi che le zuppe vengono quasi sempre preparate con l'aggiunta di un generoso quantitativo di aglio.

 borsch mosca

Passiamo ora alle ricette a base di carne. In tutti i menù troverete le russian cutlets, una sorta di cotoletta fritta. In Russia queste cotolette vengono preparate con un impasto macinato di carne o di pesce (ne vedete un esempio nella prima foto qui ↓ sotto). É molto simile ad una polpetta che viene poi impanata nel pan grattato imbevuto di latte, aglio, cipolla ed erbe. I cutlets vengono solitamente serviti con patate al forno o purè. É possibile trovare anche la variante Pozharskaya Cutlets: in tal caso il tipico tortino di pollo o di vitello impanato viene preparato con carne macinata alla quale viene aggiunto del burro che conferisce una consistenza più tenera e succosa. La carne viene anche proposta come filetto con diversi livelli di cottura e condita con qualsiasi tipo di verdura al vapore oppure sotto forma di spiedini alla griglia, chiamati in russo shashlyk. Un'altra ricetta tipica russa da provare se siete in visita alla città di Mosca è il filetto Stroganoff, composto da pezzi di manzo saltati in una salsa smetana a base di panna acida. Considerate inoltre che le ricette che vi ho elencato finora posso essere preparate con diverse varianti in quanto la Russia, e quindi anche la città di Mosca, risente molto delle tradizioni gastronomiche delle ex repubbliche sovietiche dell'Asia Centrale e del Caucaso. La capitale russa è quindi disseminata di ristoranti che propongono una fusione della cucina russa con quella armena, georgiana e uzbeka. Come piatti principali non mancano pesce al forno o alla griglia.

 russian cutlets mosca

cosa mangiare a mosca

Lasciate però uno spazietto per il dolce. A Mosca la cucina russa vi stupirà con tanti piccoli dolcetti davvero appetitosi. I classici e tipici bliny russi vengono proposti anche come dessert, guarniti con crema di mascarpone, frutti rossi o cioccolato. Vengono poi preparati strudel di mele, torta al miele e cake potato, una torta a base di cioccolato, realizzata con l'aggiunta di crema di patate all'impasto. Può sembrare strana ma in realtà è davvero buona. A proposito di dolci, se capitate in Russia durante la settimana di Pasqua (la data della Pasqua ortodossa non coincide con quella della Pasqua cattolica) nelle panetterie e nei supermercati troverete molti kulic. Il kulic è un dolce tipico della tradizione russa, preparato proprio a ridosso delle festività pasquali con un impasto lievitato di burro, farina, latte, uova e zucchero, in cui sono incorporate uvetta, frutta candita e mandorle. Assomiglia molto alla nostra colomba pasquale ma dall'aspetto è molto più simile ad un piccolo panettoncino: infatti viene cotto in stampi cilindrici e poi ricoperto da una glassa bianca di zucchero cosparsa di tanti zuccherini colorati. Secondo la tradizione, il kulic e gli altri alimenti pasquali tradizionali preparati in casa, come le uova decorate o la paskha, vengono posti in un paniere decorato con fiori e poi portati nelle chiese per essere benedetti dal pope tra il sabato e la domenica di Pasqua. Il kulic benedetto viene poi consumato ogni mattina prima della prima colazione a partire dal giorno di Pasqua fino al giorno di Pentecoste. La paskha che vi ho appena citato, è un altro dolce pasquale preparato durante la settimana santa e benedetto durante la veglia pasquale; è a base di formaggio quark (tvorog russo), ha la forma di una piramide tronca ed è guarnito con una glassa bianca di zucchero arricchita con spezie, liquore e canditi. Il dolce viene decorato ai lati con simboli religiosi tradizionali. Questa ricetta originaria della Russia, la si trova facilmente anche in Finlandia.

 pasqua russia

Ed ora sorge la domanda spontanea: cosa si può bere a Mosca? Beh ragazzi, di sicuro la birra (pivo) è ottima e molto più economica dell'acqua, non a caso è la bevanda alcolica più consumata a Mosca. La più venduta è la Baltika con almeno 12 varianti. Come alternativa alla birra, provate lo kvas, una bevanda poco alcolica tipica dell'est Europa. É ottenuta dalla fermentazione di pane e cereali. Ha un aspetto un pò strano, di un giallo torbido, ma vi consiglio di assaggiarlo. 

 

CAVIALE E VODKA

Quando si parla di Mosca, di sicuro vi verranno in mente al primo colpo il caviale e la vodka, due prodotti che contraddistinguono l'enogastronomia russa. Il caviale è proposto nei menù di quasi tutti i ristoranti del centro di Mosca: il prezzo varia a seconda della qualità di caviale scelto. Ricordatevi che il caviale deve essere servito freddo e crudo, solitamente accompagnato da patate, pane, uova o tartine, ma mai abbinato al limone, in quanto ne altera completamente il sapore. Il caviale nero è il più pregiato, il cosiddetto oro nero della Russia. Anche oggi il caviale nero continua a essere una delle più famose e costose prelibatezze del mondo e la Russia resta sempre il suo principale produttore. É strano pensare che quelle piccole uova nere hanno un costo altissimo: pensate che il prezzo medio di un vasetto di caviale nero del peso di 250 g si aggira sui 130 dollari. La produzione legale più diffusa in Russia è quella del caviale nero ricavato dallo storione siberiano, allevato con tecniche di acquacoltura. Di caviale nero legale di beluga non c'è praticamente più traccia nel mercato russo. Se desiderate acquistare il caviale a Mosca, al primo piano dei magazzini GUM della Piazza Rossa, si trova uno store dove si possono acquistare prodotti gourmet della cucina russa come appunto caviale e vodka. I prezzi sono leggermente più alti rispetto alla media. 

 caviale

magazzini gum mosca

Per quanto riguarda la vodka o i superalcolici in generale, quando si parla di questo argomento in Russia occorre precisare alcuni aspetti relativi all'evoluzione del processo di distillazione nel corso degli ultimi anni. In Russia i superalcolici distillati artigianalmente vengono chiamati samogón. Il dibattito è relativo più che altro alla distillazione clandestina, un fenomeno per molti anni diffuso in tutta la Russia. Con il termine samogón viene indicato il superalcolico ottenuto mediante una distillazione artigianale (che quindi impiegava strumenti artigianali, non sempre adeguati e corretti secondo le norme vigenti) di masse alcoliche, il classico mosto ottenuto della fermentazione di zuccheri come per esempio zuccheri di cereali, patate, barbabietole, frutta e altri prodotti. La produzione artigianale di superalcolici venne bandita durante il comunismo e venne fatta una severa campagna contro il consumo di alcolici che portò ad un aumento della distillazione clandestina. Con la caduta del comunismo i divieti divennero meno stringenti, ma nel 2015 il governo russo regolamentò la produzione del samogón e degli altri distillati del grano. I prodotti venduti nei ristoranti e commercializzati nei negozi dovono sottostare a questi controlli e norme di produzione che garantiscono che la bevanda è stata prodotta in modo sicuro e qualitativamente corretto.

 vodka russia

Se volete acquistare delle bottiglie di vodka russa a prezzi ragionevoli, vi consiglio di approfittare del Museo della storia della vodka situato nel Cremlino di Izmailovo, poco fuori dalla città. Qui, oltre a poter visitare lo storico museo della vodka, avrete la possibilità di acquistare diversi tipi di vodka. Ad un prezzo aggiuntivo rispetto a quello dell'ingresso al museo è anche possibile degustare alcune varietà di vodka, una soluzione ideale per poter poi scegliere la vostra preferita da acquistare. Nel centro di Mosca si trovano molti locali come wine bar, cocktails bar, pub o lounge bar dove poter bere, tra le tante proposte del menù, anche un buon bicchiere di vodka locale. In passato l'equivalente del pub era la ryumochnaya, termine che deriva da ryumka che significa in russo "bicchierino". Si trattava di un posto poco accogliente che serviva "sto grammov" (100 grammi e non uno di più) d'ordinanza. Oggi la scelta è cambiata, è molto più ampia e raffinata. Se si vuole bere vodka russa, non va dimenticato che è possibile scegliere tra vodka liscia oppure tra diversi cocktail preparati a partire dalla vodka. Ne sono un esempio il White Russian, il Moscow Mule, l'Apple Martini, il Bloody Klava e il Cosmopolitan. Non molto lontano dalla Piazza Rossa e dal Teatro Bolshoi, lungo via Petrovka, si trova il Bar Klava: lo abbiamo trovato per caso, desiderosi di concludere la serata con un bicchiere di vodka. Il locale è molto moderno e accogliente, un'ottima soluzione per bere vodka, ma vi consiglio di consultare la lista online al seguente link in quanto le cameriere non parlano inglese.

 cocktail mosca

 

DOVE MANGIARE A MOSCA

Una volta elencati i piatti tipici della cucina russa, vorrei darvi il nome di alcuni locali e ristoranti dove anche noi abbiamo cenato durante il nostro viaggio a Mosca e che ci hanno soddisfatti molto. Tutti propongono ricette russe, alcuni in modo puramente tradizionale, altri con delle rivisitazione in chiave creativa. Ricordatevi che in quasi tutti i ristoranti è consuetudine lasciare una mancia del 10% (qualcosa in meno nei locali più informali), in quanto il servizio non viene addebitato sul conto. Se pagate con carta di credito, la mancia è di solito richiesta in contanti. I menù dei ristoranti sono sempre scritti in russo, ma sotto i nomi dei piatti in cirillico viene riportato il corrispettivo in alfabeto normale, solitamente in lingua inglese; per cui nella scelta dei piatti non avrete grosse difficoltà, considerando che i camerieri spesso non parlano inglese.

mangiare a mosca

In centro città, proprio di fronte al Teatro Bolshoi, a due passi dalla Piazza Rossa, si trova lo splendido Staraya Bashnya (l'ingresso è situato proprio alle spalle dei giardinetti che ospitano il monumento di Karl Marx). Al piano terra sarete invitati a lasciare cappotti e giacche nel guardaroba e poi, mediante un ascensore, verrete condotti al piano superiore dove si trova il ristorante. La location è arredata come un castello medioevale: le pareti sono realizzate con pietre a vista, le finestre richiamano le feritoie dei castelli e i tavoli e le sedie sono tutti in legno massiccio. All'interno della sala principale è posto anche un caminetto. Dalle finestre si gode una vista sulla piazza che ospita il Teatro Bolshoi. Non perdetevi la classica zuppa Borsch a base di barbabietola e il filetto di alce, le portate secondo me migliori di questo locale. Qui vengono proposte molte varietà di carne tra cui anche la carne di alce e di orso (nella foto qui ↓ sotto vedete un ottimo filetto di alce condito con una salsa di frutti rossi). I dumplings costano dai 350 ai 500 rubli (5-7 €) , le zuppe vanno dai 300 ai 350 rubli (5 € circa) , i secondi di carne partono da un minimo di 700 rubli (10 €) fino a punte di 2000 rubli (25 €) per i tagli di carne più raffinati e pregiati. Noi abbiamo speso una media di 23 euro a testa prendendo ciascuno una zuppa, un piatto di ravioli o di carne, una birra e un dessert. Direi un ottimo rapporto qualità/prezzo.

 staraya bashnya moscow

filetto alce mosca

Lungo la stessa via ma poco più a nord della Piazza Rossa, si trova LavkaLavka Farm-to-table Restaurant. Si tratta di una catena di ristoranti con diversi locali sparsi per la città di Mosca. L'arredo interno è molto moderno ed in stile industrial con bacheche in legno, lampadari realizzati con i contenitori di latta del latte e tubi a vista. Le ricette della cucina locale sono rivisitate in chiave moderna e i piatti sono molto curati anche nella presentazione e nell'accostamento di colori. Nel menù, accanto ad ogni piatto, viene citato il nome dell'azienda agricola da cui proviene il prodotto principale. Si tratta quindi di una proposta che mira a valorizzare i produttori locali. Oltre alle portate principali, sono rimasta stupita da un humus di carote e zucca da leccarsi i baffi (lo vedete in una delle foto qui ↓ sotto, non vi fa venire l'acquolina in bocca?). I prezzi sono nella media: abbiamo speso circa 25 € testa per un antipasto, un primo, un dolce e una bevanda.

 lavkalavka restaurant moscow

humus carote mosca

Sempre nel quartiere di Tverskoy, ma poco più a ovest rispetto alla via principale, si trova il ristorante Mari Vanna. La location merita davvero: sembra di essere ospitati all'interno di una casa privata di famiglia risalente all'epoca sovietica; gli interni sono infatti arredati proprio come l'interno di una casa, con quadri, librerie, credenze, soprammobili, fotografie...c'è persino in giro un grosso gattone grigio che ravviva questa simpatica atmosfera. Le cameriere sono vestite come le padrone di casa e sanno parlare inglese. Qui ho apprezzato non solo la cucina proposta (soprattutto la carta dei dessert), ma anche il servizio di piatti utilizzato tutti colorati con fiori e cuori, in pieno stile familiare molto instagrammabile. Vi consiglio di prenotare in quanto il locale non è poi grandissimo. Il conto si aggira sempre su una media di 25 € per una zuppa, una portata principale a base di ravioli o di carne, una birra e un dolce.

mari vanna mosca

Immagine presa da www.marivanna.ru

dessert mosca

Un altro ristorante che vale la pena provare soprattutto se siete un pò fuori dal centro città è il Restaurant Matryoshka. Si trova davanti al fiume Moscova in corrispondenza del porticciolo di partenza delle crociere della compagnia Radisson, proprio ai piedi dell'imponente Hotel Ucraina. Sarete accolti da un'ottima cucina locale, un arredo interno molto chic con luci soffuse e musichetta di sottofondo o se siete più fortunati anche dal vivo. Tanto la cucina quanto il locale sono davvero molto raffinati. La spesa media rimane tra i 23 e i 27 € per una cena di tre portate.

restaurant matryoshka mosca

cucina russa

Mi sento di citare anche un ultimo ristorante soprattutto per la location: questa è la soluzione ideale se dovete organizzare una cena romantica o per festeggiare un anniversario. Di sicuro il vostro portafoglio potrebbe risentirne, ma tornerete a casa con un'esperienza indimenticabile. Stiamo parlando del Sixty, il ristorante più alto d'Europa, posto al 62esimo piano della Torre della Federazione di Moscow City. I tavoli sono circondati da immense vetrate dalle quali si gode una vista mozzafiato su tutta la città. Il nome del locale deriva dall'atmosfera ricreata con gli arredi interni: si torna con nostalgia agli anni '60 con uno stile elegante, trendy e selvaggio caratterizzato da colori vibranti in stile Andy Warhol. Il menù è molto raffinato con piatti di diverse cucine del mondo curati sia nei sapori che nei colori e nella presentazione da un rinomato chef. Il Sixty è ideale per qualsiasi occasione, non solo per cena ma anche per colazione e pranzo. E' possibile consultare il menù e prenotare (altamente consigliato) al seguente link. In alternativa se cercate una location esclusiva di sola cucina italiana, provate il ristorante Buono che si trova al 29esimo e al 30esimo piano dell'Hotel Ucraina. La vista sulla città è indimenticabile ma ciò che attira l’attenzione degli ospiti è la presenza di un forno a legna per la pizza. Lo chef è Christian Lorenzini, specializzato nella cucina classica italiana. 

 ristorante panoramico mosca

A Mosca, è possibile mangiare anche spendendo molto meno. Quella che vi sto per presentare è per me una soluzione ottima per il pranzo. Stiamo parlando delle stolòvaya, i luoghi dove tutti i russi mangiano a pranzo. Molti traducono la stolòvaya come una mensa ma è molto lontana dal concetto di mensa italiana: si tratta di un self service dove è possibile mangiare bene (troverete sia piatti locali che ricette internazionali) spendendo poco. Addirittura in alcune stolòvaya, il cibo proposto viene scontato del 20% o del 50% dopo le h 21.00. Si cena praticamente con la spesa di un caffè. É possibile pagare i piatti singolarmente oppure, nelle ore del pranzo, viene proposto il business lunch, in russo l'obed che ha un prezzo fisso e comprende diverse portate quali: un'insalata a scelta tra cavolo, carote, barbabietole o cipolle, un bicchiere di bevanda analcolica (in questo caso vi consiglio di provare il mors, una tipica bevanda russa ottenuta dalle bacche e dai frutti rossi), una zuppa tra cui il caratteristico borsh, un piatto principale composto da pollo, polpette o cutlets e un contorno a scelta tra riso, grano saraceno (grechka) o purè.

 stolovaya mosca

stolovaya mosca

Una stolòvaya caratteristica la trovate proprio in centro Mosca, al terzo piano dei Magazzini GUM e si chiama Stolovaya 57. Concedetevi un pranzo o una cena in uno di questi self service proprio per provare il tipico pranzo del cittadino russo di città. Vale la pena precisare che a Mosca è molto difficile trovare locande o trattorie a conduzione familiare; la maggior parte dei ristoranti fanno parte tutti di catene che siano esse catene economiche e più alla portata di tutti o catene di ristoranti di lusso. Nel quartiere di Kitai Gorod lungo la via Arbat oppure nei pressi della fermata metropolitana di Lubianka, si trovano molte di queste catene. Ve ne cito tre in particolare dove andare a colpo sicuro. La prima è Tepemok, il fast food russo dove vengono preparati i caratteristici bliny che vi ho citato sopra, ovvero le crepes russe ripiene con preparati dolci e salati. Le migliori da provare? Beh sicuramente quella ripiena al salmone e panna acida e quella farcita con mele e caramello, un ottimo connubio per un gustoso pranzo veloce e sostanzioso. Non spaventatevi se troverete il menù esposto solo in russo! Se chiedete al banco, ne hanno alcuni cartacei in lingua inglese. I prezzi per ogni crepe si aggirano tra i 300 rubli per quelle salate ai 200 rubli per quelle dolci e possono variare di qualche rublo a seconda della zona della città in cui si trova il locale. Per gli amanti delle patate, vi consiglio di provare Kroshka Kartoshka, un fast food che al bancone serve tutti piatti a base di patate tranne le classiche patatine fritte. Non da ultimo se amate gli hamburger, provate Mu-Mu: si tratta di un buffet pratico ed economico dove vengono prodotti piatti tipici della cucina russa e ottimi hamburger di carne. Da cosa deriva il nome? Non dalla carne di manzo con cui vengono fatti gli hamburger, ma dal fatto che vengono date caramelle mou in omaggio a tutti i clienti!

Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Viaggia Con Alice Vieni A Conoscermi 400x400

Benvenuti in "Viaggia con Alice"!

Ogni viaggio è un racconto, vieni anche te alla scoperta del mondo!

Vieni a conoscermi!

Viaggia Con Alice Collaborazioni Esplora Il Lago Maggiore
Viaggia Con Alice Collaborazioni Esplora Tour
Viaggia Con Alice Collaborazioni Amazon
Viaggia Con Alice Collaborazioni Capitola
Viaggia Con Alice Collaborazioni Get Your Guide
Viaggia Con Alice Collaborazioni Civitatis

Viaggia con Alice - Ogni viaggio è un racconto!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Tutti i testi pubblicati in questo blog e le fotografie sono coperti da copyright, tutti i diritti sono riservati. Alcune immagini utilizzate in questo blog provengono dal web, se dovessero, in qualsiasi modo, ledere il diritto d’autore, previa comunicazione, verranno subito rimosse.

viaggiaconalice@gmail.com