Viaggiare ai tempi del coronavirus

viaggiare coronavirus

Siamo ormai entrati nella fase 2 della gestione di questa pandemia da coronavirus che da fine febbraio ha rivoluzionato le nostre vite. Sono stati mesi difficili e purtroppo la pandemia non è ancora stata sconfitta. Ma di sicuro questa fase 2 ci mette molta speranza e cominciamo a guardare all'estate 2020. A causa del coronavirus vivremo un'estate diversa; cambierà il nostro modo di viaggiare. Tutti ce lo chiediamo: come sarà viaggiare ai tempi del coronavirus? Quali saranno i nuovi trend del turismo?

Nei panni di travelblogger e di appassionata viaggiatrice, non nego che spesso in queste ultime settimane mi sono posta queste domande. Prevedere di tornare alla normalità nel giro di pochi mesi giusto in tempo per goderci al meglio l'estate 2020 è una mera utopia. Dobbiamo fare i conti con la realtà e accettare il fatto che per quest'anno il modo di viaggiare sarà diverso; il viaggio, se ci sarà permesso, sarà vissuto in maniera diversa in termini di destinazione, di esperienza e di organizzazione pratica. Al momento è anche impossibile fare delle previsioni certe su quando si potrà tornare a viaggiare oltre confine in Europa o addirittura nel resto del mondo. Occorre ricordare che tutto dipende da come ci comportiamo in questa fase 2: le libertà di spostamento che ci sono state date devono essere vissute nel pieno rispetto delle regole come il mantenimento della distanza di sicurezza o l'utilizzo dei dispositivi di protezione. Solo così riusciremo a tenere sotto controllo i numeri del contagio da coronavirus: più questi numeri resteranno bassi, più avremo la possibilità di goderci un'estate quanto più sicura e normale possibile. 

viaggiare ai tempi del coronavirus

Il coronavirus ha investito il mondo intero portando con sè una serie di problematiche economiche, sociali e sanitarie che in maniera indiretta si ripercuotono anche sul settore del turismo e dei viaggi:

  • molte aziende sono state costrette a rimanere chiuse per alcuni mesi con gravi perdite economiche di fatturato. I lavoratori sono rimasti a casa in attesa della cassa integrazione o addirittura perdendo il posto di lavoro. Di conseguenza molte famiglie avranno a disposizione una spesa minore da destinare ai viaggi e alcuni saranno addirittura costretti a rinunciarvi;

  • per il mese di maggio ci è stata data la possibilità di muoverci all'interno della stessa regione e si spera che questa libertà di movimento sia estesa nei mesi estivi a tutto il resto dell'Italia. Di sicuro però le frontiere con gli stati esteri anche solo quelli europei resteranno ancora chiuse per un pò a chi si muove per turismo. Per cui togliamoci subito dalla testa mete esotiche oltre oceano, on the road in America e fughe romantiche nelle mete tropicali. Nell'estate 2020, se tutto va bene, credo che potremo restare solo in Italia, almeno spero;

  • rimane anche il fattore paura perchè tutti noi, chi più chi meno, avrà un pò di timore a muoversi e a viaggiare verso mete troppo lontane da casa; 
  • le compagnie aeree invece, costrette a terra per un paio di mesi, riprenderanno gradualmente a volare ma dando operatività solo ai voli necessari per esigenze lavorative. Quest'anno sarà forse impossibile volare per turismo fuori dall'Italia. Siamo tutti in attesa delle nuove disposizioni del governo ma non credo ci siano grandi novità in merito. Alcune compagnie aeree stanno muovendo le prime notizie per questa estate, ma non c'è nulla di certo. Di sicuro in questo periodo si sono impegnate ad eseguire la manutenzione degli aerei a terra e soprattutto la sanificazione di tutti gli spazi interni in modo da essere pronti alla ripartenza, non appena verrà dato il via libera. La ripartenza sarà comunque lenta e graduale. Il numero dei voli disponibili non sarà più lo stesso di prima: magari su ciascuna destinazione ci sarà solo un viaggio di andata e uno di ritorno al giorno e al tempo stesso anche i numeri dei posti a sedere a bordo sarà ridotto in base alle nuove normative. Questo si traduce in una minore possibilità di spostarsi in volo per raggiungere le mete estive. Senza contare che, per colpa di questa crisi, molte compagnie aeree hanno già cancellato alcune tratte estere di lunga percorrenza verso i principali aeroporti italiani fino al prossimo autunno;

viaggiare durante coronavirus

  • molte strutture alberghiere sono state pesantemente colpite da questa pandemia da coronavirus: alcune non hanno potuto sopportare le perdite di questi due mesi trovandosi costrette a chiudere i battenti per sempre; altre invece sono pronte a riaprire ma devono far fronte con la probabile diminuzione dei flussi turistici, sicuramente di quelli stranieri, e con la necessità di adeguarsi alle nuove indicazioni sanitarie e di distanziamento sociale necessari per la riapertura al pubblico. Questo si traduce in un aumento dei costi per l'adattamento della struttura e in una diminuzione della capacità di accoglienza. Questi cambiamenti hanno pesantemente colpito anche i bar e i ristoranti, soprattutto quelli che vivono di turismo. Senza contare che si cono alcune località, come ad esempio le città d'arte, la costiera amalfitana, il Lago di Garda e lo stesso Lago Maggiore, che vivono al 90% di turismo straniero! Queste strutture saranno costrette ad adattare la loro offerta turistica, a creare promozioni e campagne pubblicitarie con l'obiettivo di catturare l'attenzione di quella fetta di turismo italiano che in questi ultimi anni è andata persa a favore di altre mete. 

  • non tralasciamo un aspetto importante: molti viaggiatori non sono disposti ad accettare i nuovi cambiamenti nel modo di viaggiare imposti dalla pandemia. Basti pensare che le estati al mare come ce le siamo sempre immaginate quest'anno non saranno possibili. Le regioni affacciate sul mare si stanno già portando avanti adattando le spiagge e gli stabilimenti balneari in base alle nuove normative di distanziamento sociale: ombrelloni distanziati, barriere di protezione, accessi possibili fasce orarie differenziate soprattutto per i soggetti in età a rischio. Queste sono solo alcune delle ipotesi avanzate; ma, anche se si parla al momento solo di ipotesi, non tutti siamo disposti ad accettarle pensando alla nostra estate al mare. Così ci sarà chi, abituato a scegliere la vacanza al mare, quest'estate preferirà il relax e la tranquillità della montagna, a contatto con la natura.

 patrimonio unesco italia

In tutto questo cambiamento del mercato del turismo, speriamo almeno che i prezzi dei soggiorni non vadano ad alzarsi troppo oltre la media stagionale, altrimenti ci sarà una fetta in più di italiani costretti a rinunciare alle tanto agognate ferie estive. Io mi sento di essere fiduciosa e positiva ma mi sento di programmare la mia estate in Italia! Il turismo in Italia ha sofferto e sta soffrendo molto... perchè non ripartire proprio dall'Italia? Abbiamo la fortuna di vivere in un paese ricco di meraviglie storiche, culturali e naturalistiche. Come ha sottolineato anche Alberto Angela nel programma tv "Meraviglie di Italia" che ci ha fatto compagnia su RAI1 per molte sere, in Italia abbiamo il maggior numero di siti Unesco dichiarati Patrimonio dell'Umanità! Sono ben 52, lo sapevate? Li ho anche raccolti tutti in un unico articolo dal titolo Siti Unesco in Italia. Sono sparsi per tutta Italia e sono davvero incantevoli!

 lago maggiore

lago maggiore

Questo è il consiglio che vi do! Quest'estate, se ne avremo la possibilità, restiamo in Italia. Andiamo alla scoperta delle montagne e dei laghi che ci circondano o dei piccoli borghi dove il tempo sembra essersi fermato. L'Italia ha bisogno di noi! Per l'estate 2020 scegliamo di viaggiare in Italia! Questo sicuramente ci porterà a viaggiare più sicuri e a risollevare nel frattempo l'economia del nostro paese. Potete anche organizzare di venire dalle nostre parti sul Lago Maggiore, ci avete mai pensato? Anche qui sul Lago Maggiore di cose da fare e da vedere ce ne sono tantissime. Colgo l'occasione per ricordarvi che sul nostro blog c'è una sezione dedicata alle nostre avventure sul Lago Maggiore e nella sezione Miniguide è disponibile la Miniguida del Lago Maggiore dove trovate tutte le informazioni necessarie per organizzare al meglio il vostro viaggio sul Lago Maggiore.

 albergo diffuso

Tutto questo di cui vi ho parlato fino ad ora si traduce in un paio di parole: turismo di prossimità! Questo è il nuovo trend dei viaggi nell'estate 2020 e gli esperti già lo confermano. Infatti per turismo di prossimità si intende un modo di viaggiare che porta alla scoperta di mete vicine a casa, magari raggiungibili anche in macchina e meglio se non troppo affollate. Si tratta di un turismo lento e autentico che da importanza alla qualità dell'esperienza vissuta. Questo tipo di turismo privilegia luoghi sconosciuti, paesini nascosti, agriturismi in mezzo alla natura. Questa estate sarà proprio così! E in quest'ottica si inseriscono alla perfezione gli Alberghi Diffusi, li conoscete? Con il termine Albergo Diffuso si intende un albergo composto da un insieme di più stabili anche distanti tra loro ma all'interno dello stesso borgo, con gestione unitaria e con un'offerta di servizi di qualità, adatta a tutti gli ospiti. Quest'idea geniale sembra essere nata proprio in Italia, nella zona della Carnia, in Friuli, a seguito del terremoto del 1976 quando si è pensato di valorizzare le case che mano a mano venivano ristrutturate e di riconvertirle all'ospitalità. In Italia si contano un centinaio di realtà certificate che rientrano a far parte dell'Associazione Alberghi Diffusi. L'Albergo Diffuso permette da un lato di spendere meno, di ricevere comunque un servizio di qualità, di vivere da vicino la realtà del borgo, la sua storia e la sua autenticità e di mangiare al chilometro zero; dall'altro, essendo le camere distanziate in stabili diversi, risolve il problema del distanziamento sociale. Può essere che nell'estate 2020 decolli il turismo in queste strutture. 

 mascherina

Abbiamo appurato che quest'anno quindi cambieranno le nostre mete estive, sia in termini di località che in termini di tipologia di soggiorno: ci troveremo tutti a viaggiare in casa nella nostra cara Italia. Parallelamente cambierà anche il modo di viaggiare. Oltre a un documento d'identità, ormai dovremo quasi sempre essere pronti ad esibire autocertificazione, mascherina e guanti soprattutto nei luoghi comuni e molto affollati. Inoltre dovremo mantenere la buona e sana abitudine di lavarci spesso le mani e di sanificarle con i gel detergenti. La distanza di sicurezza sarà fondamentale per esempio all'ingresso di un museo, di un bar o semplicemente di un negozio. Non escludiamo il fatto che ci potrà capitare di trovarci costretti a sottoporci alla misurazione della febbre con i termometri digitali o con gli appositi scanner. Tutto questo sarà obbligatorio negli aeroporti! Questi sono i nuovi comportamenti che entreranno a far parte del manuale del buon viaggiatore! A tal proposito io mi sono già organizzata e ho provveduto ad acquistare le mie nuove mascherine direttamente sul sito www.honeydream.it. Sono realizzate in Italia dalla ditta Stamperia Olonia di Gorla Minore; un prodotto made in Italy, di qualità e molto fashion grazie all'utilizzo di stoffe colorate Liberty London. Ho scelto queste mascherine perchè sono certificate per essere lavate fino a 20 volte. Questo ne permette un uso prolungato e sicuro!

viaggiare

Detto questo, cari viaggiatori, non nego di voler presto poter tornare a viaggiare! Non vedo l'ora di tornare a fare la valigia e di poter uscire di casa con maggiore sicurezza e libertà, per rimettermi a viaggiare e a mostrarvi le meraviglie del mondo che ci circonda! Mi mancano quell'adrenalina e quella carica di energia che mi accompagnano sempre alla vigilia di una partenza! Sono sicura che qualcuno di voi, può capire quello che intendo. Quando l'epidemia da coronavirus sarà passata e avremo la possibilità di viaggiare di nuovo, mi dedicherò alla scoperta dell'Italia e delle meraviglie del nostro paese!

Se questo articolo ti è piaciuto o ti è stato utile, puoi mandarmi un feedback personale all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., lasciarmi un commento attraverso l'apposito box qui sotto o condividere l'articolo sulle tue pagine social tramite i bottoni presenti a fondo pagina (magari a qualche tuo amico potrebbe essere utile). Ti ringrazio moltissimo!

Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Viaggia Con Alice Vieni A Conoscermi 400x400

Benvenuti in "Viaggia con Alice"!

Ogni viaggio è un racconto, vieni anche te alla scoperta del mondo!

Vieni a conoscermi!

Viaggia Con Alice Collaborazioni Esplora Il Lago Maggiore
Viaggia Con Alice Collaborazioni Esplora Tour
Viaggia Con Alice Collaborazioni Amazon
Viaggia Con Alice Collaborazioni Capitola
Viaggia Con Alice Collaborazioni Get Your Guide
Viaggia Con Alice Collaborazioni Civitatis

Viaggia con Alice - Ogni viaggio è un racconto!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Tutti i testi pubblicati in questo blog e le fotografie sono coperti da copyright, tutti i diritti sono riservati. Alcune immagini utilizzate in questo blog provengono dal web, se dovessero, in qualsiasi modo, ledere il diritto d’autore, previa comunicazione, verranno subito rimosse.

viaggiaconalice@gmail.com