Cosa e dove mangiare a Vienna

La Sachertorte è una delle delizie da non perdere a Vienna
La Sachertorte è una delle delizie da non perdere a Vienna

La cucina viennese è multiculturale ed è frutto dalla fusione di diversi influssi gastronomici. Dalla vicina Ungheria provengono il Gulasch, una zuppa a base di carne e verdure cotte, e le Palatschinke, una specie di crepe molto sottile condita in modo dolce o salato. Sicuramente la dominazione dei Turchi ha portato i famosi Kipferl, cornetti dolci o salati che rappresentano la mezzaluna turca, e soprattutto il caffè. La prima cosa da fare quando si mette piede nella città di Vienna è godersi una splendida tazza di caffè nei numerosi locali presenti in ogni angolo della città. “Bere il caffè” è una tradizione, un momento importante della giornata, un passatempo tipico degli austriaci: il caffè va ordinato e bevuto comodamente seduti in una delle numerose Kaffeehouse (letteralmente “bottega del caffè”) di cui Vienna è stracolma, come il Caffè Mozart, il Caffè Central o il Caffè Alt Wien. Per scoprire di più sulla tradizione del caffè, vi consiglio di leggere questo articolo "Bere un caffè in una Kaffeehaus: una tradizione tipica di Vienna". 

Non potete andare a Vienna senza assaggiare la controversa Wiener Schnitzel, la cotoletta di carne impanata le cui origini sono fonte di ampio dibattito in campo gastronomico. Infatti non è ben chiaro se sia nata prima la nostra cotoletta alla milanese o quella viennese. Bando alle ciance, dove è possibile assaggiarne una veramente autentica nel cuore della di Vienna? Un locale che vi consiglio altamente per l'ottimo rapporto qualità/prezzo è lo Schnitzelwirt a Neubaugasse 52: qui il piatto base è composto da due enormi cotolette impanate sottili ma gustose e croccanti servite al costo di 7,20 € con contorno a parte. Una vera bontà! Sono poi possibili numerose varianti del piatto base (a partire anche solo dal tipo di carne impiegata) o particolari menù che abbinano alla classica cotoletta contorni o salse diverse. Ricordatevi però che il giorno di chiusura settimanale di questo locale è la domenica. Vi raccomando di scegliere le salette più interne perchè in quelle a ridosso dell'ingresso viene lasciata ai clienti la possibilità di fumare liberamente. 

La Wiener Schnitzel è uno dei piatti tipici della cucina viennese
La Wiener Schnitzel è uno dei piatti tipici della cucina viennese

Altri due ristoranti caratteristici che vi consiglio non tanto per il menù offerto o per la qualità dei piatti, ma per le location esclusive sono il Donauturm e il Rollercoaster Restaurant. Il Donauturm sorge in una posizione davvero molto suggestiva: si trova infatti in cima alla Danube Tower ed è realizzato su una piattaforma girevole che ruota lentamente permettendo una visione a 360° sulla città. La vista e la location si fanno pagare abbastanza: di sicuro vengono serviti piatti gustosi ma ad un costo un pò sopra alla norma. In ogni caso sono sicura che in Italia una location del genere sarebbe costata il doppio! Il Rollercoaster Restaurant è situato all'interno del Prater e fa parte di una catena di ristoranti presenti in molte città del mondo. La qualità del cibo è normale ma la particolarità è che le ordinazioni vengono eseguite direttamente dal tavolo tramite un dispositivo tablet; in più, i cibi e le bevande vengono consegnati ai tavoli tramite un intricato e colorato sistema di binari molto simili a delle montagne russe con rotaie. I carrelli sui quali vengono caricati i piatti sono preparati da dei robot. Un ristorante molto futuristico ed originale!

Nel Rollercoaster Restaurant le portate ordinate vengono servite da dei robot mediante dei binari
Nel Rollercoaster Restaurant le portate ordinate vengono servite da dei robot mediante dei binari

Un'ambientazione tipicamente viennese è data dalle Heuriger, ovvero le taverne dove poter gustare tutti i piatti tipici della cucina austriaca. Le più famose sono quelle di Grinzing e di Neustift am Walde, quartieri un pò al di fuori dalla zona centrale turistica, ma ne troviamo alcune anche in centro città come per esempio la Zwolf-Apostelkeller (Sonnenfelsgasse 3 nelle vicinanze del Caffè Alt Wien) o la Esterhazykeller (Haarhof 1 poco più avanti dalla fermata della metro di Herrengasse). Si tratta di locande sottoterra il cui ingresso è sito ai piedi di ripide scalinate, gli interni sono rustici, caratterizzati da soffitti in pietra viva e da un arredamento in legno grezzo. Essendo caratteristiche, il prezzo base per una cena è leggermente più alto; inoltre in alcune è d'obbligo anche il pagamento di una piccola mancia che corrisponde ai nostri costi di servizio/coperto. La maggior parte dei piatti tradizionali sono costituiti da carne, patate, crauti, accompagnati da pane nero (Semmel), aromatizzati con spezie quali aneto, erba cipollina, cannella, bacche di ginepro, finocchietto e conditi con aceto di mele. Ne sono un esempio il bollito di carne di manzo (Tafelspitz) o l'arrosto di maiale serviti con verdure cotte al vapore, le salsicce bollite o affumicate servite su un letto di crauti e insalata o il pollo allo spiedo. Non mancano il classico gulasch e le zuppe di verdure e di carne di ogni tipo. Ovviamente non troviamo nè la pasta nè la pizza nella cucina tradizionale viennese, ma per qualche giorno potremo farne sicuramente a meno! Vienna è anche la patria dei Wurstelstand, i classici chioschi ideali per uno spuntino veloce con panino, wurstel e crauti, o con un hotdog con Kaserkrainer, la tipica salsiccia ripiena di formaggio. In centro Vienna lo Zum scharfen Renè, situato a Schwarzenbergplatz, è uno dei più tipici ma possiamo trovarne anche a Hoher Markt o se siamo fortunati anche presso il caratteristico Naschmarkt, un grosso mercato ricco di spezie, souvenir, specialità locali, leccornie e stuzzichini che al sabato propone in più un particolare mercato delle pulci.

Il Kaiserschmarrn era il dolce preferito dell'imperatore d'Austria Francesco Giuseppe
Il Kaiserschmarrn era il dolce preferito dell'imperatore d'Austria Francesco Giuseppe

Passiamo ora ai dolci viennesi ormai conosciuti in tutto il mondo: tra le specialità locali dolciarie più famose non dimentichiamo lo strudel di mele (Apfelstrudel), i Krapfen ripieni di marmellata o di cioccolato, il Kaiserschmarrn, una specie di frittata dolce servita con uvette e marmellata di mirtilli, letteralmente “la frittata dell'imperatore” in quanto era il dolce preferito dall'imperatore Francesco Giuseppe, oppure la Sachertorte, una vera delizia per il palato. Possiamo gustarne l'autenticità presso il Caffè Sacher Wien: qui viene custodita la vera ricetta originale della torta. Il locale è ormai diventato molto turistico; una lunga fila di persone resta in attesa di entrare solo per assaggiare una fettina di questo prelibato dolce! L'atmosfera e la location sono molto rilassanti, nonostante non ci sia mai un tavolo libero. Forse il prezzo è un tantino elevato (6,50 € per una fetta di torta Sacher) ma per una volta nella vita si può fare, parola di una golosona come me! In alternativa potete provare anche la altrettanto rinomata pasticceria Demel che si affaccia proprio sull'ingresso dell'Hofburg in Michaelerplatz. Anche qui si possono gustare i dolci tipici viennesi sempre in una atmosfera di gran classe. Se invece volete portarvi a casa qualche souvenir dolciario, tipici di Vienna sono i wafers Manner, venduti in molti supermercati o anche nello store originale situato di fianco alla chiesa di Santo Stefano, o le simpatiche palle di Mozart, dei cioccolatini rotondi ripieni di cioccolato gianduia e marzapane solitamente al gusto di pistacchio.

La birra non manca mai sulle tavole degli austriaci. Io non sono una grande appassionata di birra ma quella locale, la Ottakringer, mi è piaciuta molto. E' una bionda molto leggera e non troppo amara. E' possibile visitare anche il birrificio dove viene prodotta, l'Ottakringer Brauerei, con visite guidate che si concludono con ottime degustazioni. Sicuramente non sapete che i viennesi bevono molto più vino che birra! Vi sembrerà strano, eppure è così! Vi sono ben 700 ettari di vigneti che circondano la città di Vienna con oltre 300 vignaioli. Filari che scendono ripidi accanto a osterie con tavoli di legno dove si mangiano maiale e crauti mentre le caraffe di vino bianco ghiacciato rallegrano gli animi. A Vienna esiste una tradizione vinicola unica: il Gemischter Satz, un vino prodotto con diversi vitigni, fino a venti, coltivati nello stesso vigneto. Diversamente rispetto al cuvée, si tratta unicamente di uve a bacca bianca dalle quali si ottiene un vino bianco tutto locale e di ottima qualità tale da essere inserito dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità, con sede in Italia, nella sua Arca del Gusto. L'avete mai assaggiato?

Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Viaggia Con Alice Vieni A Conoscermi 400x400

Benvenuti in "Viaggia con Alice"!

Ogni viaggio è un racconto, vieni anche te alla scoperta del mondo!

Vieni a conoscermi!

Viaggia Con Alice Collaborazioni Viaggo
Viaggia Con Alice Collaborazioni Civitatis
Viaggia Con Alice Collaborazioni Esplora Il Lago Maggiore
Viaggia Con Alice Collaborazioni Amazon
Viaggia Con Alice Collaborazioni Esplora Tour

Viaggia con Alice - Ogni viaggio è un racconto!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Tutti i testi pubblicati in questo blog e le fotografie sono coperti da copyright, tutti i diritti sono riservati. Alcune immagini utilizzate in questo blog provengono dal web, se dovessero, in qualsiasi modo, ledere il diritto d’autore, previa comunicazione, verranno subito rimosse.

viaggiaconalice@gmail.com